cani innamorati

Relazione

Cani innamorati, realtà o fantasia?

L’amore sembra non essere prerogativa del genere umano: i cani sono in grado di vivere ed esternare emozioni in tutto e per tutto assimilabili a ciò che è comunemente inteso come amore.

I cani si innamorano del loro proprietario?

I cani, è risaputo, sono in grado di provare un'ampia gamma di emozioni, quali felicità, stress, paura, malinconia. Studi di etologia affermano che i nostri amici a quattro zampe, infatti, provano emozioni complesse simili a quelle di un bambino che va dai 2 ai 3 anni di età. Nei confronti del proprietario, il cane tende a sviluppare un legame solido, dato dalla prolungata convivenza e dalla relazione gerarchica, valore imprescindibile nella vita sociale del cane.

A proposito di amore, è stato dimostrato da un gruppo di ricercatori dell’Università giapponese di Azabu che sia gli esseri umani che i cani sviluppano reazioni fisiche affini, ossia il rilascio dell’ormone dell’ossitocina, quando entrano in contatto con il soggetto del loro affetto. Fra un cane e chi si prende cura di lui è infatti sufficiente il contatto visivo per generare "l’ormone dell'amore": quando il cane e il suo umano si guardano negli occhi si ha in entrambi un aumento dei valori di ossitocina.

Nonostante ciò, bisogna mettere in chiaro che i cani non amano allo stesso modo dei loro padroni: noi esseri umani abbiamo, naturalmente, un'idea molto più complessa dell’amore, fatta di concetti e valori. I cani, al contrario, hanno un comportamento istintivo, guidato dall’agire immediato che li porta a esternare senza filtri - quindi in modo ancora più sincero degli umani - le loro sensazioni.



Come dimostrano i cani il loro amore per il proprietario?

Sono proprio le loro classiche azioni quotidiane, per quanto semplici e ripetitive, a poter essere interpretate come pure dimostrazioni di amore e affetto: dal "farci la festa" quando torniamo a casa dopo una giornata lavorativa al semplice scodinzolare, dal dormire profondamente accanto a noi al leccarci costantemente mani e faccia. Altre volte, manifestano i segnali di amore in modo molto più vivace e intenso, ad esempio correndo incontro, talvolta abbaiando oppure tenendo tra i denti un oggetto o un pupazzo con il quale si è soliti giocare, esortandoci dunque a seguirlo per passare del tempo insieme. Sarà inoltre capitato a molti proprietari di cani di assistere a manifestazioni di protezione di fronte a situazioni di pericolo o presunte tali, dove il cane è naturalmente portato a difendere chi si prende cura di lui.

I cani possono innamorarsi di un loro simile?

Anche qui la risposta pare essere positiva, benché slegata dalle valenze sessuali inerenti la scelta di un “partner”, come comunemente intendiamo fra umani: nel legarsi emotivamente a un altro essere vivente, sia esso animale o persona, è necessario per una cane tessere una relazione prolungata di tipo gerarchico. In definitiva, più tempo il cane passerà con un altro animale o persona, maggiore sarà il legame, in particolare con il capobranco.